A Leicester si è tornati a sognare

 

Se il roboante 9-0 di Venerdì ha destato l’attenzione anche dei non addetti ai lavori, quello che sta facendo il Leicester in questa prima parte di stagione non è sicuramente sfuggito agli appassionati.

Si, perché dopo tre anni di ritorno alla normalità in seguito  allo storico successo firmato  da Claudio Ranieri, i ragazzi guidati da Brendan Rodgers stanno riportando la cittadina delle Midlands sulla mappa del calcio d’oltremanica.

20 punti frutto di 25 gol fatti(terzo miglior attacco della Premier dopo le macchine da guerra City e Liverpool) e 8 gol subiti(miglior difesa del campionato proprio assieme ai Reds), questi sono i numeri che hanno permesso alle Foxes di conquistare un sorprendente terzo posto davanti a squadre decisamente più quotate.

Sarebbe però ingiusto definire questo risultato come unicamente frutto delle numerose debacles di big come Arsenal, Tottenham e United, perché il lavoro di Rodgers e dei suoi giocatori è veramente da lodare..

Il tecnico nordirlandese è subentrato lo scorso Febbraio a Claude Puel, e in quelle dieci giornate è riuscito non solo a raddrizzare la classifica delle Foxes, ma anche a capire le grosse potenzialità dei suoi giocatori.

Brendan Rodgers(nella foto), 46 anni, sulla panchina del Leicester dal Febbraio 2019.

 

Il Leicester gioca con uno spregiudicato 4-1-4-1, formato da una retroguardia solida e giovane in cui spiccano il centrale turco Soyuncu e il terzino sinistro e nazionale inglese Chilwell (cresciuto nell’Academy), nel ruolo di frangiflutti davanti alla difesa si alternano i muscolari Ndidi e Choudhury(anche lui formatosi nel vivaio delle Foxes) , e il riferimento offensivo è un redivivo Jamie Vardy, autore di 9 gol.

Ma è una trequarti estremamente fantasiosa che comprende elementi come Ayoze Perez, Tielemans l’altro canterano Barnes e Maddison ad essere il reparto più interessante.

Proprio James Maddison sembra essere il leader tecnico della squadra.

James Maddison (nella foto), 22 anni, acquistato dal Norwich nel Giugno 2018 per circa venti milioni di euro.

 

Il 22 enne trequartista ex Coventry e Norwich è un giocatore estroso,dotato di gran tiro e tecnica sopra la media, un ragazzo che qualora dovesse limitare qualche scivolone fuori dal campo ha tutto per sfondare.

Un altro giocatore che sembra aver ritrovato se stesso è Youri Tielemans, un ragazzo che all’Anderlecht aveva bruciato tutti i record di precocità e che sembrava essersi perso nelle difficoltà del Monaco, totalmente rinvigorito per ora dalla cura Rodgers.

Gioco offensivo e attenzione ai giovani e al settore giovanile, elementi di una visione del calcio quasi Cruijffiana che spesso Rodgers ha portato nelle sue squadre, si pensi che è stato lui a far esplodere Sterling a Liverpool, lanciando poi un altro talento cresciuto sulle rive del Mersey che poi ebbe decisamente meno fortuna e che è stato tartassato dagli infortuni come Flanagan, o regalando ad un giovane Suso i primi minuti tra i grandi. Un’esperienza quella alla guida dei Reds che purtroppo sarà sempre ricordata per il clamoroso scivolone( in tutti i sensi) che costò al Liverpool un titolo che sembrava già vinto nelle ultime giornate della stagione 2013/2014.

Senza dimenticare inoltre come a Glasgow sponda Celtic abbia saputo gestire il ritorno dei Rangers vincendo tutto e valorizzando anche in quel caso ragazzi dell’Academy come il neoacquisto dell’Arsenal Kieran Tierney, ma anche altri giovani come Dembelè, Ajer e Edouard.

Un allenatore che nonostante i suoi successi(non abbiamo citato lil suo periodo d’oro allo Swansea) è tutt’ora trattato con scetticismo dai media britannici, siamo sicuri quindi che una volta ricevuta quella telefonata dalle Midlands abbia pensato non poco alla sua personale rivincita.

Una rivincità che per ora sta andando perfettamente secondo i piani…

A Leicester si è tornati a sognareultima modifica: 2019-10-29T21:51:11+01:00da pietroserusi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento