E’ tornata l’arancia meccanica(?)

 

 

6 Febbraio 2018, Ronald Koeman diventa Ct dell’Olanda.

Questa non è una data qualunque, è la data che segna la fine del periodo più buio della storia recente(e non solo) della nazionale Olandese.

Un periodo buio che ha visto alternarsi sulla panchina Oranje ben 4 allenatori in meno di 4 anni, e che ha visto la nazionale mancare la qualificazione a Euro 2016 e al mondiale di Russia 2018.

Guus Hiddink, Danny Blind, Fred Grim e Dick Advocaat non sono riusciti infatti a mettere in atto con risultati soddisfacenti il rinnovamento necessario, gestendo in maniera inadatta e confusionaria il passaggio da una generazione di straordinario talento(quella dei Robben, Sneijder e Van Persie per intenderci) a un nuovo ciclo di giovani interessanti.

Compito in cui si sta al momento disimpegnando bene Ronald Koeman, allenatore scafato, giocatore plurititolato e con un filo rosso che lo lega alle opere e ai pensieri di chi il calcio nella terra dei canali e dei mulini a vento lo ha cambiato per sempre, si stiamo parlando di Hendrik Johannes Cruijff.koeman 1

Ronald Koeman(nella foto),56 anni.

La rivoluzione di “Rambo” è stata sicuramente facilitata dall’esplosione di alcune individualità straordinarie, come il nucleo Ajacide formato da De Ligt, Van de Beek e De Jong, dalla consacrazione definitiva di capitan Van Dijk, ma anche dal picco di rendimento che stanno attraversando elementi più esperti come i vari Blind, Veltman e Promes.

virgil 2

Virgil Van Dijk(nella foto), 28 anni,nominato capitano nel Marzo 2018 proprio da Koeman.

Ma bisogna anche dare a Cesare quel che è di Cesare, e il lavoro dell’ex difensore centrale di Ajax, Psv e Barcellona è di pregevole fattura.

Koeman infatti ha utilizzato queste ottime individualità per cucire una squadra che segue la tradizione calcistica olandese, gli Oranje sono nuovamente belli da vedere, propongono, segnano e divertono in casa e fuori casa(come dimostra la vittoria di  Settembre in casa della Germania), ben figurando anche nelle final four di Nations League.

koeman 2

 

La squadra si schiera prevalentemente con un offensivo 4-2-3-1, dove davanti a Cillessen trovano spazio:la coppia centrale Van Dijk-De Ligt(probabilmente tra le più complete nel panorama mondiale), un terzino con caratteristiche più difensive come Blind che spesso si abbassa a creare una difesa 3 per lasciare maggior spazio di manovra al suo collega sulla fascia destra, il velocissimo esterno del Psv Denzel Dumfries.

In mezzo le chiavi del gioco vengono affidate alla tecnica sopraffina di De Jong, affiancato solitamente da un intenditore puro come l’atalantino De Roon.

Sulla trequarti si alternano incursori come Wijnaldum e Van De Beek, esterni rapidi come i vari Promes, Bergwijn e Depay, davanti il buon vecchio Babel o il crack del Psv Donyell Malen.

Netherlands: PSV vs VVV

Donyell Malen(nella foto), classe 99, è la stella del Psv

 

Un organico ricco di talento, che segue uno spartito di gioco consolidato, offensivo e divertente, e che proprio nell’ultimo match contro l’Irlanda del Nord ha strappato il pass per gli Europei di quest’estate.

olanda squadra

Europei dove la squadra di Koeman arriva con la consapevolezza che ci saranno probabilmente squadre più consolidate ed esperte, ma con quella sfacciataggine e sicurezza nei propri mezzi tipica della tradizione Oranje, puntando a dar filo da torcere a chiunque e candidandosi seriamente ad essere una delle sorprese più intriganti della prossima estate calcistica.

 

 

E’ tornata l’arancia meccanica(?)ultima modifica: 2019-11-19T19:45:36+01:00da pietroserusi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento