Never grow up my friend

 

 

C’era una volta, si sa quasi tutte le più belle favole hanno questo incipit, bene allora è il momento di dare fiducia a questa.

C’era una volta Joga Bonito Tv, meravigliosa campagna pubblicitaria Nike che nasce dall’intenzione di proporre il miglior lato del calcio, quello estetico, del puro divertimento.

Cantona

Nasce così un format tremendamente inizio anni 2000 che vede Eric Cantona parlare, dall’interno di una sala piena di monitor in stile regia televisiva, le opere d’arte dei migliori giocolieri del tempo.(Solo qualche anno prima era stato egli stesso protagonista di uno dei più bei spot a tema calcistico, dove insieme tra l’altro a Paolo Maldini si occupava nientemeno che di liberare la terra da Lucifero, ma andiamo avanti).

In una di queste puntate il buon Eric ci introduce, con un breve discorso sul calcio come divertimento, alle prodezze di un bambino dagli incisivi decisamente pronunciati su un campo da futsal, accompagnate dalle prodezze qualche anno dopo dello stesso bambino, sullo stesso campo, con lo stesso sorriso.

 

La “palla” passa di nuovo a Cantona che chiude con un malinconico “Remember to never grow up my friend”, morale della favola? Niente di meglio che giocare divertendosi, con la spensieratezza del bambino, magari la stessa di quel bambino che giocava a futsal.

Quel bambino che oggi compie 40 anni e li festeggia non nel miglior posto dove un bambino dovrebbe essere, anzi nel posto che i tuoi genitori ti indicano come  futura residenza qualora tu non dovessi fare i compiti o mangiare le verdure.

Si, perché per quanto anche ai sensi della legge sia evidentemente adulto, Ronaldo De Assis Moreira per tutti Ronaldinho rimarrà sempre l’eterno bambino.

Lo rimarrà per quella desinenza “inho” nel soprannome, per quel sorriso che non è cambiato di una virgola dal campo da futsal alla cella di un penitenziario, per quella maniera unica di intendere il calcio.

Alzi la mano infatti chi non ha mai guardato il celebre video dove colpisce la traversa per 5 volte di fila senza stoppare il pallone, o le centinaia di video dove si esibisce in decine di palleggi persino mentre si toglie la maglia, tutte opere estremamente “baroccheggianti” direbbero i suoi detrattori, certo ma in che mondo la praticità è lo scopo di un sognatore?

Dinho barca

Ma Ronaldinho era anche quel giocatore capace di entrare nelle cronache per aver vinto una partita giovanile per 23-0 con 23 reti all’attivo, di distruggere il Real Madrid Club De Futbol nel suo tempio e meritarsi gli applausi del suo esigente pubblico, ma anche nella sua tappa italiana di guadagnarsi l’ammirazione dei tifosi di ogni bandiera.

Da privilegiato quale sono ad aver visto un’esibizione dell’allora numero 80 del Milan, il ricordo più bello sono proprio i sorrisi e i saluti ad un pubblico (quello cagliaritano) che raramente accoglie con omaggi floreali i suoi nemici domenicali, e poi il riscaldamento fatto ad un ritmo totalmente diverso, la palla che non toccava mai terra…

Dinho milan

Purtroppo il nostro mondo non è adatto a personaggi di Saint Exupery, la vicenda che ha portato all’arresto dell’ex pallone d’oro ha infatti dell’incredibile, possesso di passaporto falso( gli era stato ritirato pochi mesi fa) per entrare in un paese all’interno del quale è necessaria solamente la carta d’identità.

Risultato ? 5 mesi di carcere per lui e suo fratello Roberto, da trascorrere tra tornei del penitenziario eseguiti con regole ad hoc, indumenti da firmare e premi in natura da 16 kg, ma da trascorrere dove la fantasia di nessun bambino dovrebbe essere imprigionata, dietro le sbarre.

Magari nel mondo reale i consigli di Eric Cantona saranno solamente carta straccia, tesi dal quale il tuo avvocato difensore può partire per provare a ridurre la tua pena, ma per quanto ci riguarda questo sarà come i castighi della nostra infanzia, un brutto ricordo che talvolta ci insegna qualcosa.

Dinho carcere

Parabens Dinho, ti aspettiamo tutti e non dirlo a nessuno ma a noi vai bene così…

Never grow up my friendultima modifica: 2020-03-21T19:27:00+01:00da pietroserusi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento